Jazz is Dead! Again! – L’eredità Jazz in festival a Torino

Antonio Montemurro

Si parte da una provocazione che si palesa sin da subito. Un festival di musica dal titolo irriverente, volto a scuotere le canoniche abitudini della musica che ascoltiamo, Jazz is Dead. Again!
Il jazz è davvero morto? Certo che no, ha una storia così profonda da renderlo immortale. Come tutte le grandi cose, contamina e persiste nel tempo continuando ad echeggiare – anche in forma nuova – nei club e nelle radio del mondo.

Il festival si concentra sull’eredità della musica jazz, e sulla nascita di movimenti musicali che sono l’evoluzione del jazz, quelli che portano incorporano la sua anima stilistica dando vita a nuova musica, altra musica.

Jazz is Dead! presenta dal 25 al 27 Maggio 2018 una rassegna musicale internazionale di alto livello, variegata nello stile e di esotica provenienza.
L’intento è stimolare curiosità e interesse. La cornice perfetta per celebrare la morte (e la rinascita) del jazz è, senza dubbio, l’ex-Cimitero di San Pietro in Vincoli.
Il festival si nutre della fondamentale collaborazione di ARCI e del Magazzino sul Po, terzo circolo ARCI d’Italia per numero d’iscritti. Inoltre per quest’anno, si avvale della preziosa partecipazione della Fondazione Piemonte dal Vivo che agisce come co-promotore delle due date d’apertura e chiusura ad Almese e Asti.

Gli organizzatori di Jazz is Dead!

La proposta artistica del festival, connotata da un approccio ardito e rivoluzionario, presenta sulla scena torinese un cartellone di nomi che, citando il direttore artistico Alessandro Gambo, “non ha headliner“. Quindi niente grandi nomi di fama interstellare, ma una scelta approfondita e ricercata attorno alla sperimentazione musicale, al funk, alla black e la world music.

location Jazz is Dead San Pietro in Vincoli
Cimitero di San Pietro in Vincoli, Torino

La stessa caratteristica di ricercatezza e inusualità, l’abbiamo già ritrovata nella collaborazione con Varvara o frequentando i concerti della rassegna #finoamezzanotte organizzata giù al Magazzino sul Po.
Sì, le menti e gli organizzatori sono gli stessi che ripropongono l’ennesimo festival che ci permette di uscire dagli schemi della musica pop e toccare scene più nascoste e di nicchia.
Avrei potuto scrivere underground sin dall’inizio.

Il Jazz è morto e risorto

Jazz is Dead! celebra la morte e soprattutto la resurrezione del jazz. Esso risorge nella forma in cui ha dettato la traccia per la nascita di nuovi stili musicali. In altre parole, è la lezione che il jazz ha lasciato e che si è riversata nella musica che ascoltiamo tutt’oggi. I tratti stilistici dell’improvvisazione, delle variazioni e dei virtuosismi che poi si ripropongono in stili musicali contaminati e rigenerati. L’evoluzione della musica.

Ciascuna delle tre serate del festival rispecchia un tema che ne detta lo stile delle line-up.

Venerdi 25 – Discreto, Continuo, Digitale , aggettivi che descrivono il flusso della musica. L’apertura del festival vedrà alternarsi sul palco Patrick Higgins, concertista, chitarrista e sperimentatore, Pierre Bastien e i suoi ingranaggi sonori, Lubomyr Melnyk, inventore della tecnica del piano continuo, che presenta dal vivo l’ultimo album “Illirion”.

Passando al digitale, Spime.IM (progetto A/V dei Niagara che utilizza una tecnologia wearable – il guanto Remidi). Infine a chiudere, il dj-set di TMSO e gran finale con la D’n’B di The Dreamers.


Il tema di Sabato 26 – Dal Mondo – vuole aprire i confini e richiamare le plurime espressioni della world music e dell’avvolgente funk-jazz di Manuel Volpe e la sua Rhabdomantic Orchestra in produzione originale con l’etiope Misrak Mossisa. Spicca il jazz europeo, la poliritmia africana e le morbide percussioni dei MOP MOP che si avvalgono della voce di Waine Snow. Di particolare interesse è il progetto One Blood Family, nato dalla collaborazione tra la Cooperativa Sociale Atypica, Associazione Culturale Spazio Rubedo e The Sweetlife Factory. Sono dei ragazzi migranti e richiedenti asilo che presentano un progetto musicale che combina world music, tradizione e beat elettronici. A concludere NYEM – Not Your Exotic Monkey, esotico duo femminile d’origine colombiano-marocchino e il dj-set di Dj’mbo from Gambia.

Domenica 27 – intitolata Sei x Duo – è la volta di esibizioni di coppia. Sul palco, i duetti di Zeus!Mombu e i NoHayBanda! A seguire le sperimentazioni di Francesco Donadello e Andrea Belfi e il progetto noise di Massimo Pupillo e Stefano Pilia. A finire, una lettura musicata da contrabbasso “Mingus: nero, giallo, bianco, perdente!” che omaggia l’autobiografia del jazzista di Charles Mingus.
Le attività domenicali si svolgeranno durante l’intera giornata iniziando dal mattino con il workshop di improvvisazione radicale Impro(B)abile condotto da Antonio Zittarelli – Mombu (play video) e da alcuni musicisti del collettivo-orchestrale Pietra Tonale.

Extra? Sì, come sempre sì. L’evento di chiusura del Jazz is Dead! è il 23 Giugno, il palco – la cornice storica degli scavi archeologici della “Villa Romana” di Almese – vede gli ZU riproporre il loro capolavoro “How To Raise an Ox”

Programma completo

Venerdì 25 Maggio – start h18, free entry
Continuo, Discreto, Digitale
Pierre Bastien live / Lubomyr Melnyk live / Patrick Higgins live / Spime.IM live / The Dreamers dj set / TMSO dj set

Sabato 26 Maggio – start h18, free entry
Dal Mondo
Mop Mop Electric Trio feat. Waine Snow live / Misrak Mossisa & Rhabdomantic Orchestra plays Ethiogroove live / One Blood Family live / NYEM dj set / Primitive dj set / Raw Tella dj set / Dj’mbo from Gambia dj set

Domenica 27 Maggio – tutto il giorno, free entry
Sei X Duo
Zeus! live / Mombu live / NoHayBanda! live / Stefano Pilia & Massimo Pupillo in Dark Night Mother live / Andrea Belfi & Francesco Donadello live / Mingus: nero, giallo, bianco, perdente! live act

Sabato 23 Giugno @ Scavi archeologici “Villa Romana” Almese (TO) – ingresso 5€
Zu feat. Mats Gustafsson plays How To Raise an Ox live / Paul Beauchamp live

Se provocati, si è maggiormente stimolati a mettersi in gioco e a dare critica alla proprie convinzioni.
Il festival vuole lasciare un segno e stimolare la riflessione.
Nuove idee e risposte a nuovi quesiti che nascono dall’esperienza dell’arte.

Jazz is Dead! esce fuori dagli schemi e ti porta, vivendo posti morti, su livelli altri di esperienza, lontati dalle care vecchie abitudini.

Amen! Again!

@_.amon.__

 

0 Comments

Lascia un commento

More great articles

celtic connections 2017 glasgow scotland

Celtic Connections 2017 Glasgow in Musica – Roundabout Festival BoX

Wintertime is the period of the Celtic Connections music festival! For the 23rd edition, 2,100 musicians from all over the…

Read Story

Io Sono La Musica Che Ascolto – Mappare la musica live – #TorinoSuona

Al di sotto dei viali e dei palazzi sabaudi di Torino, esiste un substrato creativo ed artistico che si muove e si…

Read Story

Avant Art Festival – ‘Lille meets Wroclaw’ – Roundabout Festival BoX

Two heterogeneous cities with separate histories and belonging to different cultures have found a common point around the Art blending…

Read Story
Arrow-up